Berlusconi:”Sei un coglione!”

Non per essere antiberlusconiano ma sentite cosa ha detto uno che dovrebbe, vorrebbe essere il nostro presidente del consiglio (che si definisce democratico ed educato) a un giovane contestatore di Rifondazione a Genova:

Un altro giovane ha urlato contro l'auto blu: "Evviva Vittorio Mangano!" l'ex stalliere del premier legato a Cosa nostra. Berlusconi sceso dall'auto, si è avvicinato con foga al giovane, gli ha puntato l'indice contro e gli ha detto: "Tu non ti puoi permettere, tu sei un coglione!".

da www.repubblica.it

Berlusconi:”Sei un coglione!”ultima modifica: 2006-03-21T21:20:23+00:00da klone123@v
Reposta per primo quest’articolo

5 pensieri su “Berlusconi:”Sei un coglione!”

  1. Sei mai andato a leggere quello che scrive la stampa estera riguardo alle uscite dei nostri governanti? E’ una tristezza! Io conosco bene solo il francese, e sfoglio spesso on-line i grandi quotidiani. Spesso non so se ridere o piangere! Ciao, Anna

  2. fate presto a dire che tutto e mafia ma che ne sapete della vera mafia che esistein italia e nelmond.Io penso che i vari Lo Piccolo Riina Provenzano etc etc sono esclusivamente dei cretini delinquenti nelle mani di veri mafiosi politci ed mprenditoriali i quali raggiungere i loro sporchi 0bbittivi( l’arricchiment oeconomico e patrimoniale)us ano queti ignoranti per raggiungere i loro scopigrazie e chi vuoleapprofondi re sono pronto a farlo in manera nonima

  3. Onorevole Bondi,
    nel suo intervento sulla fiducia al governo Prodi, tenutosi ieri, Lei ha
    esordito dicendo che il presidente Prodi non avrebbe le qualità morali per
    essere Capo del Governo.
    Con questa definizione ha raggiunto il vertice dell’assurdo farneticare
    che Forza Italia sta facendo da quando ha perso le elezioni.
    Non voglio discutere sui risultati elettorali, le concedo la sospensiva,
    visto che la Giunta per le elezioni non potrà far altro che confermare la
    vittoria di Romano Prodi.
    Voglio però discutere sulla questione morale…
    Al di là delle sue origini sinistrorse, vorrei ricordarle che il suo capo
    un pò di anni fa aveva come “stalliere” un certo Vittorio Mangano, boss
    del mandamento di Brancaccio a Palermo, e che questo “stalliere” molto
    particolare aveva come compito di curare i “cavalli” ma questi non erano
    gli amati quattrozampe, ma partite di droga, che venivano gestite dallo
    stesso Mangano. E si ricordi che fu proprio il suo amico Marcello
    Dell’Utri a presentare Mangano a Berlusconi, per fornire una protezione a
    quest’ultimo che aveva paura che gli sequestrassero i figli. E che un
    pentito ha anche ricordato che Salvatore Riina aveva espresso il suo
    giudizi su Berlusconi dicendo che “era nelle sue mani”.
    Le ricordo, in accenno, solo questo perché io mi occupo anche di lotta
    alla mafia, e quindi, per me, chi ha avuto pur minimamente a che fare con
    Cosa Nostra o con qualsivoglia altra organizzazione criminale, quantomeno
    non può farsi paladino della questione morale.
    Non voglio poi stare a discutere di Cesare Previti o di altri personaggi,
    ma sappia che no ha assolutamente il diritto né lei né nessuno di Forza
    Italia di farsi difensore della moralità, in quanto i suoi capi l’hanno
    già abbondantemente infangata.
    Cordialmente,
    Ettore Lomaglio Silvestri

  4. niente potrebbe essere e nulla puo essere compreso, ma solo chi subisce l’ignominiosa forma di sottomissione quali la piu’ esecrabile forma di estorsione, in un individuo, che non potendo difendersi, con la paura che lo attanaglia,perche preso dallo sgomento dall’incredulita’ che cio possa accadergli, a lui che neanche si sognava. Si rivolge all’amico di turno, guarda caso saccente in queste cose,per sprofondare nel baratro. Si direbbe ma perche, non rivolgersi alle autorita’ competenti.Troppo facile,ma di quale forma autorita’si dovrebbe avere fiducia, di carabinieri con famiglie, che sembrano operai di una qualsiasi fabbrica che difendano il loro stipendio.Di una MAGISTRATURA che e piu lenta di un treno merci,su un binario MORTO. E tante volte non voglio azzardare collus……. con l’avvoc….. di parte. Mi verrebbe da dire rifacendomi ad una metafora eliminando l’avvocatura forse saremmo piu’ veloci della luce. Troppo. Ma rischieremmo un sacco di disoccupati. scusate forse il ragionamento forse un po illogico.

Lascia un commento